Monferrato le colline

Il Monferrato – Sapori di una volta da scoprire

Raccontare del Monferrato, significa per me tornare indietro nel tempo, ricordare le camminate su in collina, i giri in bicicletta e le merende con pane e salame.

La zona del Monferrato a cui mi riferisco è il casalese, la provincia di Alessandria e di Asti in Piemonte. Un territorio fatto di colline tondeggianti, vigneti, boschi, antichi borghi e anche bellissimi castelli.

Castello di Gabiano Monferrato

Adesso come allora è un paesaggio unico e prezioso, dove è possibile stare a contatto con la natura, riscoprire le tradizioni e i sapori di una volta.

Peraltro, nel 2014 il Monferrato è stato inserito nella lista dei beni del Patrimonio Mondiale dell’Umanità per la capacità di interazione tra uomo e ambiente, per la coltivazione della vite e sviluppo della cultura gastronomica ed enologica.

Cosa si mangia in Monferrato?

Sono tante le prelibatezze in Monferrato, inizio seguendo i miei gusti, legati alla mia infanzia, i sapori, i profumi dei piatti che preparava mia mamma  durante le feste.

La pasta fresca ripiena

Primo fra tutti gli agnolotti alla piemontese, considerato il piatto delle feste per antonomasia.

Agnolotti alla piemontese

La ricetta classica prevede un ripieno con 2 o tre tipi di carne arrosto, vitello, maiale, coniglio racchiuso da due sfoglie di pasta all’uovo. Ci sono poi delle varianti, con ripieno di stufato, ripieno di carne d’asino.

Altro piatto della tradizione sono gli agnolotti “al plin”, di forma rettangolare di piccole dimensioni (il termine deriva appunto dal “plin”, ovvero il pizzicotto che viene dato per chiuderlo). Ottime sono anche le tagliatelle “i tajarin” una pasta all’uovo condita con sughi vari.

Proseguo con i salumi

Il Monferrato è conosciuto anche per un’ampia varietà di salumi artigianali, ottenuti con carni di maiai allevati in Piemonte.

Primo fra tutti è il Salame Piemonte IGP. E’ prodotto con carne di maiale aromatizzata con sale, pepe, spezie, piante aromatiche come aglio o choidi di garofano, macinati o messi in infusione con il vino. Il salame è insaccato in budello naturale e legato con lo spago. La stagionatura avviene in locali freschi e areati per un periodo che varia in base al diametro del salame fresco.

Salumi del Monferrato

Un antico e particolare salume è il Bisecon. Si tratta di un salame cotto di trippa che può contenere anche parti della testa del maiale. La grana è quella del salame cotto. Le trippe vengono cotte in un brodo di verdure. Sono condite con soffritti di cipolle, conciate con aromi e insaccate in un grosso budello.

Un altro salume della tradizione contadina è il salame cotto. Questo salame si taglia a fette abbastanza spesse e gustato a temperatura ambiente. Il salame cotto veniva prodotto con i tagli meno pregiati lavorati con l’aggiunta di spezie e vino barbera. Ora invece si utilizzano tagli più selezionati ma la lavorazione è rimasta quella di allora.

E poi ancora: cacciatorini, pancetta, prosciutti, bresaola, salsiccia….ma ciò che rende unici questi prodotti, sono i metodi di lavorazione artigianale, la selezione delle materie prime e la personale esperienza dei salumieri .

I formaggi

Per quanto riguarda i formaggi,  sono ottimi quelli freschi di capra prodotti con il latte crudo, come le robiole, i tomini, la ricotta.

Formaggio di capra del Monferrato

Oppure di latte vaccino come la famosa Robiola di Cocconato. Se siete alla ricerca di antichi sapori vi consiglio di visitare la Cascina “La Vetriata”, allevano le capre e producono direttamente il formaggio.

Le carni

Per chi ama mangiare la carne, il Monferrato è territorio di allevamenti di Razza Piemontese Fassone, con la quale si preparano squisiti arrosti, brasati, fritto misto alla piemontese e bollito misto alla piemontese.

La raccolta del fieno in Monferrato

Gli animali sono allevati con il fieno della campagna circostante, le aziende utilizzano cereali certificati senza OGM.

Così facendo, si ricavano prodotti di qualità che permettono di mantenere alto il nome della propria azienda e nello stesso tempo valorizzano  il territorio.

Battuta di Fassone piemontese

Diversi sono gli allevamenti che vendono direttamente le loro carni,  alcuni organizzano anche giornate o eventi per far conoscere e gustare un buon piatto di carne, come “la battuta al coltello.” Si tratta di carne cruda tenera e magra, preparata secondo la vera tradizione monferrina.

Se volete gustare una buona carne accompagnata da ottimi vini, vi consiglio l’Agriturismo Bottazza si trova in Strada Vecchia per Pozzo Sant’Evasio a Casale Monferrato.

L’abbinamento ideale per i piatti di carne, specialmente il bollito misto alla Piemontese sono i bagnetti tradizionali.  Il mio preferito è il bagnetto verde piemontese, forse perchè lo faceva sempre mia mamma. Gli ingredienti sono il prezzemolo, le acciughe sotto sale, l’uovo sodo, aglio, la mollica di pane bagnata con l’aceto e olio d’oliva. Il tutto tritato finemente.

 Oppure il bagnetto rosso alla piemontese, con pomodori ben maturi, cipolle, carote, aceto di vino, aglio e un pizzico di peperoncino. Tritato tutto finemente e fatto cuocere a fuoco lento per 3 o 4 ore.

Tra i piatti tipici del Monferrato non posso non indicare la Bagna Cauda, un succulento intingolo a base di olio, aglio e acciughe mantenuto sempre caldo, ideale per intingere le verdure crude, tipo il cardo, finocchi, sedano, ovviamente coltivate in Monferrato.

La nocciola Piemonte Igp

La nocciola ha un posto molto importante tra i prodotti del Monferrato. La varietà di nocciolo coltivata è la Tonda Gentile, ed è utilizzata nella preparazione di dolci tradizionali, come torte, biscotti, baci di dama, perfetta con il cioccolato.

Torta di nocciole piemontesi

Fra tutti i dolci quello che più esalta la nocciola è la torta di nocciole, un dolce intramontabile realizzato con pochi e semplici ingredienti: nocciole, burro, farina, uova. Da abbinare a un buon moscato.

I Krumiri Rossi di Casale Monferrato

Questo “biscotto” di pasticceria risale al 1878 nato da Domenico Rossi, divenuto il simbolo di Casale Monferrato.

Krumiri di Casale Monferrato

Oggi come allora La ricetta brevettata nel 1890 continua a catturare i palati di tutto il mondo. La semplicità dei suoi ingredienti e la lavorazione manuale hanno reso grande questo biscotto.

Se venite a Casale, passate da Portinaro in Via Giovanni Lanza, lo storico negozio dove vendono i tipici Krumiri Rossi nella classica scatola rossa oppure li potete acquistare anche sciolti.

I vini del Monferrato

Il Monferrato da bere
Grignolino del Monferrato

Il Monferrato è terra di vini pregiati, apprezzati in Italia e nel resto del mondo.

Caratteristiche sono le cantine scavate sotto le cascine in tufo che rappresentano un grande patrimonio rurale, conosciuti col termine dialettale di “Infernot”. Alcuni tra I vini rossi D.O.C. locali : il Barbera del Monferrato, il Grignolino, il Ruché e per accompagnare un buon desser un ottimo Moscato.

Che ne dite di tutte queste cose buone, le avete già provate?

Recent Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *